Crea sito

Miraculous Heroes 3

[Commenti - 0]   Stampa Capitolo o Storia Lista dei capitoli

- Dimensioni del testo +

Titolo: Miraculous Heroes 3
Personaggi: Adrien Agreste, Marinette Dupain-Cheng, altri
Genere: azione, mistero, romantico
Rating: NC13
Avvertimenti: longfic, what if...?, original character
Wordcount: 3.038 (Fidipù)
Note: Salve salvino! Bene, quando ho finito di scrivere questo capitolo, la prima cosa che mi sono domandata è stato 'perché l'ho scritto?' e la risposta che mi son data è stato 'perché era il momento'. E, in effetti, sebbene questa parte della trilogia di Miraculous Heroes sia ancora nella sua fase iniziale, ho pensato che servisse tirare un po' tutti i fili e presentare - in maniera molto superficiale - chi sarà il nemico di questa terza e ultima parte e quindi fidati appunti alla mano, mi sono messa a ripercorrere tutta la mitologia che c'è dietro questa storia e notando, proprio mentre scrivevo, come Kang sia il vero autore di questa storia. Cosa starò mai dicendo? Beh, leggete e scoprirete.
Ci tengo a precisare che Quantum, Daitya, Routo, Shangri-la, Kwami che erano umani, ex-Portatori e compagnia varia è frutto della mia mente: sinceramente non ho la più pallida idea di cosa Thomas Astruc tirerà fuori dal cilindro, in base a ciò che ho visto nella prima serie questa è stata la spiegazione che ho dato io.
E direi di lasciarvi alla lettura, ringraziandovi come sempre per leggere le mie storie (Qua potrete trovare tute le storie attualmente pubblicate del Quantum Universe), le commentate, le inserite nelle vostre liste e inserite me in quella degli autori preferiti.
Grazie tantissimo!!!

 

 

Alex sorrise, osservando il variegato gruppo sistemarsi nella sala di Fu e, voltandosi, iniziò a trafficare con la Tv, in modo da collegare la sua fidata USB: «Allora, adesso che siamo tutti riuniti e abbiamo sganciato un po’ di bombe, tipo che Felix è vivo e che Xiang viene dalla leggendaria Shangri-la…» si fermò, voltandosi di nuovo verso tutti: «Direi che il tempo della spiegazioni è finalmente giunto!» esclamò, allargando le braccia e indicando poi la bionda: «Sarah, smetti di guardare male Xiang.»
«Ti ha rapito.»
«Rafael potrebbe ingelosirsi del nostro rapporto…»
L’americana sorrise dolcemente, osservando il suo amico: «Quale rapporto? Quello dove ti strangolo?»
«Alex inizia, per favore.» sospirò Rafael, prendendosi il volto fra le mani: «Per favore. Altrimenti qui facciamo notte.»
«Io spero di trovare una scusa convincente con mia madre…» borbottò Thomas, incrociando le braccia sul tavolo e poggiandovici il mento sopra: «Altrimenti sarò un cadavere.»
«Allora, sarà una lunga spiegazione…» iniziò l’americano, indicando i kwami comodamente seduti sul tavolino: «E tutto inizia dalla vostra terra di origine.»
«Daitya?» domandò Tikki, guardandosi con gli altri kwami: «Che cosa intendi…»
«Allora come ben sappiamo, molto tempo prima di quelle che crediamo fossero le prime civiltà c’erano queste due nazioni, Daitya e Routo. Giusto? Entrambe erano tutto ciò che rimaneva di un’altra grande civiltà…»
«Il mito di Atlantide.» commentò Rafael, annuendo con la testa: «La grande civiltà scomparsa perché, con la sua superbia, aveva sfidato il volere degli dei…» sorrise divertito, massaggiandosi il labbro inferiore con il pollice: «Se mio padre fosse a conoscenza di ciò, sarebbe già in mezzo all’oceano a fare immersioni.»
«Grazie al racconto dei nostri amici kwami, sappiamo che Daitya e Routo combattevano una sorta di guerra fredda, almeno finché qualcosa non ruppe il tutto…» riprese Alex, schioccando le dita: «Questo punto di svolta, ha fatto sì che i capi di Daitya decidessero di mettere in atto il rituale che ha trasformato sette ragazzi in kwami.»
«La colonna di luce di Routo…» mormorò Wayzz, annuendo con la testa: «Tutto è cambiato da quando ci fu quell’emissione di Quantum da parte di Routo. Gyrro non seppe mai dirmi cosa pensava che fosse. O forse non ha voluto dirmelo…»
«Tutti in questa stanza sanno la storia dei Miraculous, no?» riprese Alex, accomodandosi a sedere accanto al televisore e recuperando il telecomando: «Daitya, sentendosi minacciata da Routo, decide di effettuare un rituale con sette volontari – i kwami, qui presenti – ma ciò non fa altro che portare alla distruzione dell’isola, da cui si salvano solo due persone: Gyrro, il maestro di Wayzz, e un bambino che verrà chiamato Kang. Gyrro viaggia e arriva Nêdong. Qui si naturalizza e inizia a vivere in un piccolo tempio, ove i Miraculous iniziano a essere venerati, poi grazie al suddetto Kang inizia il viaggio come Primo Gran Guardiano: i Miraculous iniziano a passare di mano in mano dei diversi Portatori, finché il maestro Liu non scegli i presenti Fu, Bridgette e Felix come Portatori. E arriviamo ai fatti di Nanchino e…» Alex inspirò profondamente, alzando un dito e fermando Willhelmina che aveva aperto bocca: «…di resurrezioni e cose varie parliamo dopo.»
La donna bofonchiò, incrociando le braccia: «Siamo a Nanchino, giusto? Perfetto, io vengo posseduta, qualcuno muore e Fu viene scelto come nuovo Gran Guardiano, passano due secoli e abbiamo la nostra Sophie che combatte contro Maus, un tedesco ossessionato dal Quantum. Lo segue in Tibet e qui si fa catturare per non mettere in pericolo la sua famiglia…»
«Passa qualche anno e il signor Gabriel, alla ricerca della moglie, giunge in Tibet ed entra in possesso del Miraculous della Farfalla, tornando a Parigi con il desiderio di prendere i due gioielli più potenti. Con questo piano in mente, indossa la spilla, diventando Papillon e costringendo così il Maestro Fu a cercare due Portatori, ovvero Adrien e me.» continuò Marinette, voltandosi verso il biondo al suo fianco e ricevendo un segno di assenso: «Combattiamo contro i suoi akumatizzati, fino allo scontro finale e tutto è andato bene, fino all’anno scorso quando Willhelmina è giunta a Parigi e ciò ha portato a una riunione dei sette gioielli.»
«Dopo la sconfitta di Coeur Noir è arrivato Maus e siamo giunti ad oggi. Giusto?» finì per tutti Adrien, allargando le braccia e facendo spaziare lo sguardo su tutti gli altri: «Direi che su questa parte siamo preparati, non credi?»
«Questa parte la sappiamo tutti, sì.» Alex assentì con il sorriso sulle labbra: «Ma in questa storia ci sono due punti importanti e, possiamo dire, avvolti nel mistero: Routo e Kang.» dichiarò l’americano, elencando con le dita: «Cosa successe a Routo, quando lasciò andare quell’emissione di Quantum? E perché attese che a Daitya compissero il rituale prima di attaccare? E Kang…» si fermò, scuotendo il capo: «Kang è la figura più misteriosa che gira attorno a tutta questa storia.»
«Shangri-la, anche.» commentò Rafael, indicando Xiang: «Anche il perché Shangri-la sia coinvolta è un punto importante.»
«Giusto.» mormorò Alex, indicando il parigino e annuendo: «Ok, direi di cominciare dall’inizio, ovvero il Quantum.» esclamò, enfatizzando l’ultima parola con un movimento delle mani che, completamente aperte, muoveva nell’aria: «Xiang, prego.»
«Cosa?»
«La parola all’esperto.»
«Ma che…»
«In pratica ti sta dicendo di parlare del Quantum.» s’intromise Felix, sorridendo: «Direi che è il punto d’inizio di questa storia.»
La ragazza annuì, mordendosi il labbro inferiore e guardando le persone riunite che attendevano: «Il Quantum è un’energia che attraversa questo pianeta.» iniziò, socchiudendo gli occhi e cercando di ricordare insegnamenti persi nel tempo: «Se paragoniamo la Terra a un corpo umano, il Quantum è come il sangue: un flusso ininterrotto che permea l’intero globo, suddividendosi in vene e capillari; in alcuni punti, poi, è possibile che fuoriesca in modo più o meno continuo e, di solito, sono zone collegate a fenomeni misteriosi…»
«Ma a Daitya ci hanno sempre insegnato che il Quantum era in esaurimento…» mormorò Nooroo, portandosi una zampina alla bocca: «E ciò che successe, ciò che ci ha fatto tramutare in kwami l’ha completamente prosciugato.»
«Se il Quantum si prosciugasse, allora sarebbe la fine di ogni forma di vita su questo pianeta, perché è ciò che ci ha donato la vita.» dichiarò Xiang, sorridendo al piccolo kwami: «Ciò che è successo alla vostra nazione ha fatto sì che si chiudesse una delle poche fonti aperte di Quantum, ovvero punti con un’emissione costante di Quantum. Dopo ciò che successe a Daitya e Routo ne è rimasta solo un’altra, ed è a Shangri-la.»
«L’ultima fonte di Quantum esistente…» mormorò Gabriel, annuendo con la testa e capendo le parole che la cinese aveva detto a lui, poco prima: «Giusto?»
«Esattamente.» assentì la ragazza, intrecciando le mani in grembo: «Dopo la distruzione delle due isole non esiste altra fonte di Quantum.»
«Riusciremo ad arrivare a capo di tutto ciò?» domandò divertito Adrien, poggiando la testa contro la spalla di Marinette: «My lady, ho già un mal di testa pazzesco. E siamo solo all’inizio!»
«Ehi, cucciolo.» bofonchiò Felix, indicando il biondo con un cenno del capo: «Poche fusa e apri bene le orecchie.»
«Fantastico! Fate entrambi battute a tema felino…» sospirò Marinette, alzando gli occhi al cielo: «Allora, il Quantum è come il sangue per la terra, giusto?»
«Sì.» assentì Xiang, annuendo con la testa: «E già sapete che Daitya e Routo sono un lascito di un’antica civiltà. Ciò che dovete sapere è che anche Shangri-la è molto simile. Avete mai sentito parlare di Lemuria?»
«Altro ipotetico continente scomparso, collocato nell’Oceano Indiano – o in quello Pacifico, a seconda dell’autore della teoria –, ma la sua esistenza è stata smentita dalla scoperta della tettonica a zolle, che spiegava perché esistevano famiglie di lemuri sia in Madagascar che in Pakistan.» spiegò Rafael, stanco: «O più o meno. Ringraziate mio padre, per un bel periodo della sua vita è stato fissato con i continenti scomparsi…»
«In verità, Lemuria è esistita.» mormorò Xiang, sorridendo: «Semplicemente è stata collocata nel posto errato: essa non era un continente scomparso, ma una grande nazione che governava la zona che ora chiamate Tibet e la sua capitale era Shangri-la.»
«Un’altra zona interessante che apparteneva a Lemuria era la provincia di Nêdong.» aggiunse Alex, sorridendo: «Nessuno di voi si è mai chiesto come ha fatto Gyrro a trovare un tempio, con una comunità fiorente quando, stando alle ricerche che ho fatto, all’epoca era una zona disabitata? Secondo quello che ho trovato le prime tribù si fermarono in Tibet attorno al 700 a.C. e…» l’americano si fermò, sorridendo: «Beh, quando Gyrro arrivò in quella zona doveva essere intorno al 3000 a.C., più o meno.»
«La mia prima Portatrice fu una ragazza egizia di nome Isinofret…» mormorò Tikki, socchiudendo gli occhi e inspirando profondamente: «Ricordi, Marinette? La mostra sugli egizi a cui andammo tanto tempo fa?»
«Sì.»
«Considerato che Gyrro è stato il Gran Guardiano più longevo…» commentò Fu, massaggiandosi il mento: «I conti di Alex tornano più o meno; il Primo ha scelto due Portatrici della Coccinella, nei suoi quattrocento anni di vita: una in Egitto e una in Cina.»
«Ma, se a Lemuria non hanno fatto boom come a Daitya e Routo…» iniziò Lila, prendendo parola: «…perché è scomparso anche questo continente, regno, quel che era?»
«La fonte di Quantum era a Shangri-la e ne beneficiava principalmente la città, il resto del regno, lentamente, è sfumato fino a perdersi…» mormorò Xiang, abbassando lo sguardo: «Quando Gyrro e Kang sono giunti a Nêdong, poco o nulla era rimasto della mia patria. Solo Shangri-la, poiché beneficiava dell’emissione continua del Quantum, e quindi è potuta sopravvivere, sebbene adesso sia morta anch’essa: la chiamano la città senza tempo, poiché per noi che ci abitiamo esso non scorre. Ma siamo mortali e lentamente, per malattia o per violenza, i miei concittadini sono morti.»
«Giusto per sapere…» mormorò Rafael, studiando la ragazza: «Quanti anni hai?»
«Tre, quattromila anni.» rispose Alex, sorridendo: «Li porta bene, vero?»
«Divinamente.»
«Bene. Ci siamo con il quadro generale? Il Quantum scorre come sangue e c’erano queste tre fonti: Daitya e Routo da una parte, Shangri-la dall’altra. Ora noi sappiamo che Shangri-la è attiva, sebbene la città e la nazione siano morte, quindi torniamo nei punti da cui tutto ha avuto inizio: Daitya, ma più precisamente Routo.» spiegò Alex, voltandosi e azionando lo schermo, facendo comparire una piccola mappa: «L’ho disegnata io, sotto suggerimento dei vostri kwami. Allora, queste sono le due isole: come potete vedere non erano molto distanti fra loro, considerate le navi dell’epoca, il tempo di navigazione era di una settimana a viaggio. Vicinissime, no?»
«Si poteva sputare contro quelli di Routo, guarda.» commentò Plagg, sbuffando: «Ok. Erano isole, erano vicine. Lo sappiamo.»
«E pensare che ho tutta una sequenza  animata. Ok, torniamo al punto da cui tutto ebbe avuto inizio: l’emissione di Quantum di Routo.» spiegò Alex, lasciando perdere la tv e voltandosi verso i kwami: «Immagino che voi, miei piccoli amici colorati, vi siate sempre chiesti cosa fosse stato.»
«Routo sperimentava molto spesso…» mormorò Wayzz, fissando Alex negli occhi: «Prima dell’emissione di Quantum c’erano stati anche parecchi terremoti.»
«Sì, li ricordo!» esclamò Mikko, annuendo vigorosamente con il capo: «E continuarono anche dopo.»
«Purtroppo non abbiamo nessuno proveniente da Routo…» mormorò Alex, sospirando: «E tutto ciò che sappiamo lo dobbiamo a Kang.» continuò, fermandosi e fissando il tavolo, in silenzio.
«Alex, per favore…»
«Tranquilla, Sarah. Non ho voglia di divertirmi tenendovi sulle spine, sto cercando le parole giuste» dichiarò l’americano, sorridendo: «Allora, Routo è sempre stato alla ricerca del potere, no? Ma più che il potere, cercava un modo di veicolare il Quantum ed è ciò che crearono il giorno dell’emissione: quando ci fu quella…quella…»
«Quella colonna di luce?»
«Esatto. Grazie, Nooroo. Ecco, quando ci fu quella colonna di luce a Routo crearono un monile che permetteva di veicolare il Quantum e, in questo modo, usarlo.» Alex si fermò e inspirò profondamente, aprendo e chiudendo le mani: «I vostri Miraculous sono impregnati di Quantum ed è ciò che vi permette di trasformarvi ed avere i poteri, giusto? Ciò è dovuto al fatto che il rituale a cui i sette kwami si sono sottoposti, altri non era che un’estrapolazione dalla vena di Quantum e l’immissione di questo nei gioielli, attraverso dei corpi umani…sentite, sinceramente non so il procedimento esatto che hanno usato e come ciò ha portato a un cambiamento di loro sette…» Alex indicò i kwami, scuotendo il capo: «Ma posso dire che i Miraculous sono gioielli fatti di Quantum e quest’energia non si esaurisce praticamente mai! Guardate da quanto tempo sono stati creati i gioielli e sì, certo si ricaricano un po’ quando vengono infilati nella scatola di legno, ma ciò non significa che non possono continuare a prestare i loro poteri anche senza…Ah, fra l’altro lo scrigno è stato creato a Nêdong con le tecniche di Shangri-la.»
«Quindi cosa avrebbero creato a Routo? Un ottavo Miraculous?»
«No, Wei. Ciò che venne creato quel giorno a Routo fu un catalizzatore di Quantum a cui dettero una forma di gioiello…» Alex si fermò, voltandosi verso Xiang: «Una collana a forma di serpente, giusto?»
«Sì. E’ una collana rigida, che ha la forma di un serpente ed è d’oro. Credo.»
«Ottimo. Grazie, Xiang.» Alex schioccò le dita, sorridendo: «Praticamente con questa collana, chi la indossa, riesce a estrapolare l’energia del Quantum e ad averne il controllo e…beh, praticamente è come un dio in terra. Può fare qualsiasi cosa con il Quantum.» sorrise, scuotendo il capo: «Se tutto ciò potesse essere messo a disposizione, in pratica risolveremo ogni problema del mondo.»
«O ne creeremo altri.» commentò Felix, sorridendo tristemente: «Rendere accessibile un qualcosa come quello, in un mondo come questo è come dare a un bambino una pistola e mandarlo al parco giochi…»
«Quindi quel giorno, a Routo, crearono questo catalizzatore.»  dichiarò Plagg, annuendo con la testa: «Ma allora perché non ci attaccarono subito? Potevano tranquillamente distruggerci e…»
«Magari c’era qualche traditore.» buttò lì Wayzz, interrompendo il compagno: «Qualcuno che era a conoscenza del nostro sapere e aveva presagito come si sarebbero comportati i Gran Sacerdoti. Creando un catalizzatore come quello, il momento migliore per loro sarebbe stato quello in cui veniva estrapolato il Quantum e inserito dentro di noi…Pensaci, ci hanno attaccato poco dopo che anche tu sei stato chiamato ed eri l’ultimo. La vena di Quantum era aperta e loro hanno attaccato in quel preciso momento.»
«Ha senso.» mormorò il felino, annuendo: «In pratica siamo stati usati e noi siamo diventati questo per cosa? Se non avessimo fatto quella cosa, magari tutti questi problemi adesso non ci sarebbero stati e…»
«Routo avrebbe trovato un altro modo.» mormorò Xiang, interrompendo il kwami: «Kang era certo di ciò.»
«Kang. Questo nome risalta parecchio in questo racconto…» mormorò Sophie, sorridendo: «Ed era l’altro punto importante, vero Alex?»
«Sì. Kang è un bambino che Gyrro ha salvato dalla distruzione di Daitya e l’ha portato con sé nel suo pellegrinaggio e…beh, era speciale.»
«In che senso?» domandò Lila, inclinando la testa: «Speciale in cosa?»
«Kang ha avuto il dono della Vista, signorina.» le rispose Felix, sorridendo: «Fin da quando era piccolo, lui ha visto il futuro dipanarsi davanti a sé e modificarsi a seconda delle scelte fatte; questo suo dono l’ha portato ad andarsene da Nêdong e raggiungere Shangri-la, quando era ancora adolescente e poi ha iniziato a viaggiare, tornando sempre nella Città senza tempo e ciò gli ha permesso di vivere finora. O almeno fino a un annetto fa, quando è stato ucciso.»
«Poteva vedere il futuro ed è stato ucciso?»
«Si è lasciato uccidere, in verità.» commentò Felix, incrociando le braccia e alzando la testa: «Kang ha sempre saputo tutto, aveva visto come il futuro si sarebbe mosso e, grazie a questo, era riuscito a mettere mano sul monile di Routo, portandolo a Shangri-la. Sinceramente, non ho la più pallida idea di come abbia fatto, non me l’ha mai raccontato…»
«Sai molte cose su Kang.» mormorò Fu, osservando il suo ex-compagno e ricevendo in cambio un sorriso triste.
«Kang è colui che mi ha salvato quel giorno a Nanchino.» spiegò Felix, inclinando la testa e sorridendo al ricordo: «Nanchino è stata costruita sopra una vena di Quantum, non ha una fonte ma con il catalizzatore è possibile reperire l’energia; quel giorno, mentre ti facevo da scudo contro i nostri nemici, mio caro Genbu, Kang ha usato quell’energia e il monile di Routo per salvarmi la vita. Voi mi avete visto morire ed io stesso ho creduto di essere morto, ma in verità quella spada mi ha solo ferito di striscio.» spiegò, sospirando: «Kang mi ha portato a Shangri-la e mi ha tenuto lì, in modo da istruirmi per il giorno in cui avrei potuto essere di nuovo di aiuto.»
«Quindi è così che è andata…» mormorò Fu, annuendo con la testa e scoccando un’occhiata a Bridgette rimasta in silenzio: «E quello che ha passato Bridgette?»
«Serviva per portarla qui adesso.» spiegò spiccio Felix, tenendo testa all’ex-compagno: «E’ brutto ammetterlo, ma non siamo stato altro che pedine nelle mani di Kang in vista di questo giorno. Lui stesso non era altro che una pedina per sé stesso: perché lasciarsi uccidere, quando poteva benissimo evitarlo? Tutto ciò che quell’uomo ha fatto è fare in modo che i sette Portatori di Miraculous si riunissero qui, assieme a tutti coloro che potevano aiutarli per fermare la minaccia di Routo una volta per tutte, anche a costo della sua stessa vita. Se Bridgette non fosse diventata Coeur Noir, tu avresti lasciato il Miraculous dell’Ape alla biondina?»
«No. E loro non si sarebbero incontrati perché non ci sarebbe stato bisogno…» mormorò Fu, annuendo con la testa: «Io stesso sono venuto a Parigi perché mi sentivo in colpa verso Bridgette e ho pensato che vivere nella città di cui lei mi aveva parlato potesse servire a calmare quel sentimento…»
«Fu…»
«Qui poi ho dato il Miraculous del Pavone a Sophie e tutto ciò che è seguito, non ha fatto altro che portare a Marinette e Adrien come Portatori della Coccinella e del Gatto Nero…»
«Kang aveva visto tutto.» mormorò Felix, chinando la testa: «Quando ho lasciato Shangri-la, sapeva che sarei giunto qui a Parigi e, in punto di morte, ha ordinato a Xiang di venire qua…ci ha riuniti, ci ha mossi egregiamente in migliaia di anni, affinché mettessimo fine a ciò che Routo e Daitya avevano iniziato.»

Devi login (registrati) per poter lasciare un commento.